6) Pensi di poter dare un contributo allʼItalia?

42 thoughts on “6) Pensi di poter dare un contributo allʼItalia?

  1. pur essendo l’Italia il Paese della storia per ccellenza, la nazione con più beni culturali al mondo, il mio contributo spero venga dalla mia laurea in ingegneria, visto che in realtà di tecnologia abbiamo tanto bisogno

  2. Onestà, responsabilità, solidarietà, ascolto, dialogo, impegno, dinamismo. Sembrano principi molto astratti ma è facile renderli concreti nelle piccole cose: es. facendo la raccolta differenziata, sostenendo l’iniziativa di un amico, pagando le tasse, “facendo la fila”, operando una critica costruttiva, “tirandosi su le maniche” …

  3. Nel mio piccolo penso di sì. Con semplici gesti di rispetto delle persone e del territorio.

  4. il mio contributo economico lo dò pagando le tasse fino all’ultimo centesimo. tutto il resto che spero di poter dare esula dal concetto patria per posarsi sul concetto universo.

  5. Penso di sì, o quanto meno ci proverò. Il mio contributo sarà quello di rispettare l’ambiente e le persone. Quando avrò dei figli, di educarli come i mie hanno educato me. Rispettando sempre il prossimo.

    • Ciascuno di noi può e deve dare un contributo a questo paese. E’ sufficiente farlo con l’esempio e con un comportamento serio e diligente. Se i modelli che ci distinguono non ci rappresentano siamo doverosamente obbligati a trovarne altri che ci rappresentino di più.

  6. Penso di poter dare un contributo all’ Italia continuando a comportarmi onestamente e nel rispetto delle idee degli altri.

  7. Ognuno di noi comportandosi onestamente con il lavoro, il volontariato e con la conoscenza può certamente dare un contributo per far crescere l’Italia.

  8. L’ho dato nel mio piccolo, e penso di darlo ancora parlandone sempre bene e spiegando che non esiste solo, mafia, malfattori,evasori e bunga–bunga.

  9. Penso che sarebbe bello se solo si riuscisse ad avere piu’ voce in capitolo e non soltanto attraverso gesti estremi tipo occupare i binari per protestare contro la riforma della scuola.

  10. Il mio contributo sono i miei due figli a cui spero di aver dato esempio di onestà, lealtà e amore per ciò che ci sta intorno.

  11. Bene o male chi vive onestamente e cerca di superare le sfide che l’Italia ci pone davanti , da il suo contributo.

  12. Ho passato il mio giorno di riposo settimanale a preparare un’attività didattica simpatica che possa trasmettere ai miei allievi i valori del Risorgimento, ne nascerà un cortometraggio intitolato :”L”Unità d’Italia ….dietro le quinte”.
    Oggi ho dato un piccolo contributo al mio paese.

  13. Il mio contributo lo do vivendo e lavorando con onestà; sforzandomi ogni giorno di contribuire, per quel poco che posso, a fare dei miei alunni cittadini leali e consapevoli.

  14. Lo sto già facendo… Ho tre figli che sono tutti e tre migliori di me. Ho quindi migliorato l’Italia.

  15. Sarebbe grave non dare un contributo all’Italia..il primo passo è quello di INDIGNARSI per le situazioni disumane ed inaccettabili del nostro Paese..e dall’indignazione parte l’azione e la necessità di fare qualcosa..come medico metto a disposizione la mia competenza e come cittadina italiana mi impegno in associazioni di volontariato..con entusiasmo!!

  16. Penso di dare un contributo, o almeno questa è la mia intenzione, quando entro in classe e cerco di mettermi in contatto con i miei studenti per comunicare loro che vale la pena andare in direzione diversa rispetto a come va il mondo. Cerco di far che conviene essere solidali, critici, coinvolti piuttosto che individualisti, superficiali e menefreghisti. E soprattutto che il denaro dovrebbe essere la giusta conseguenza di un lavoro fatto con il cuore e la mente per la comunità, non l’unico obiettivo da perseguire nella vita.

  17. Certo, un piccolo contributo lo si può dare quotidianamente, rispettando i principi, prestando ascolto, suggerendo soluzioni magari sbagliate. Un grande aiuto, no, credo di non essere in grado di darlo!

  18. L’unico contributo personale che posso dare, oltre che a vivere secondo le regole, e’ attraversoil voto…….ho grossi dubbi!

  19. Si, ieri oggi e domani, non dimenticando la storia passata sia delle persone che della cultura, nel portare avanti valori di liberta’ tolleranza e solidarieta’.
    Investendo nel futuro queste convinzioni.

  20. Ormai sono sconfortato dall’indifferenza assoluta dell’Italia per i contributi che chicchessia può dare. E’ ora di lasciare l’Italia al suo destino e andarsene. Per non restare sotto le macerie.

  21. Per quel poco che posso: battendomi contro i localismi culturali, ma senza esaltazioni nazionalistiche, naturalmente. L’Italia mi piace perché è plurale. Preferisco le situazioni liquide e multiformi a quelle cristallizzate e omologate…

  22. Penso di poterlo fare. Penso di poter partecipare a creare un nuovo paese, anche migliore. La classe dirigente non vuole però che le cose cambino. Nessuno spazio ai giovani e alle loro idee sembra essere la guida. Vorrei ma non me lo fanno fare.

  23. penso di aver dato il mio contributo educando i miei tre figli all’ onestà e, spero, a sani principi.

  24. spero un giorno di sì… intanto cerco di contribuire allo sviluppo del paese anche solo evitando di andare a lavorare e vivere all’estero nonostante tutta la crisi (economica e non)… evitiamo la fuga di cervelli!!!sono tra i migliori del mondo!!!

  25. spero con tutta me stessa di poter dare un contributo, forse in Italia, forse altrove. Tra tutte le cause, quella nazionale non riesco a comprenderla. Concepisco le nazioni come concentrato di valori, cultura e tradizioni da regalare al mondo, non come recinti dei nostri sogni.

  26. Dare un contributo.. ma cosa significa? un contributo economico? sociale? politico? Il migliore contributo come Italiani lo possiamo dare non cadendo nello sconforto e nel degrado morale, perche’ come scriveva Calamandrei questo e’ il pericolo più grande; se e’ vero che una Nazione e’ fatta dal suo popolo non possiamo lasciarci abbandonare nel cinismo e nella sfiducia verso gli altri; bisognerebbe tornare a vivere su valori semplici come l’onestà, la serietà e l’umiltà; un augurio per noi…. e per gli altri che ci circondano.

  27. non lo so ancora. vorrei entrare in politica, ma non so davvero “da che parte”, e ho paura che entrando in un partito io debba sacrificare le mie facoltà di ragionamento critico e allinearmi alla ragione di partito. però credo che la politica sia un’arte molto nobile. se sento di poter dare un contributo all’italia, sento che la politica è la strada

  28. si ne sono convinto!!nel mio campo artistico con spettacoli di carattere sociale, portando i miei pensieri a quanta più gente possibile…e poi sono molto intrigato dal volontariato e dall’aiutare chi ha bisogno…

  29. Come futuro architetto spero di poter regalare all’Italia un grande patrimonio architettonico e artistico, ma da questo punto di vista l’Italia non è un paese molto aperto verso le novità, quindi non sarà affatto semplice.

  30. Credo di farlo da parecchi anni impegnadomi nel volontariato sociale e culturale e scrivendo ogni mese articoli di denuncia e stimolo

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...